venerdì 30 settembre 2011

Un giorno a Nizza: cosa vedere

Tra le diverse località della Costa Azzurra quella che a mio avviso emana più fascino è indubbiamente Nizza. Vado spesso a Nizza e mi piace godermi la città, visitando i miei luoghi preferiti e scoprendone altri sconosciuti.

Ecco un itinerario carino per chi vuole trascorrere una giornata a Nizza:

- Arrivati in stazione, dirigetevi subito verso la Cattedrale ortodossa russa di Saint Nicolas, che si trova non molto distante. Per arrivarci, con la gare alle spalle dovrete andare a destra per un centinaio di metri fino a quando troverete un sottopassaggio, passate sotto il ponte, svoltate a sinistra e dopo pochi metri ve la ritrovate sulla destra con tutta la sua maestosità.
Si tratta di una bellissima cattedrale dell' inizio del X secolo ispirata alla famosa Chiesa di San Basilio nella piazza Rossa di Mosca. La somiglianza con la ben più nota cattedrale russa è impressionante e la chiesa è oggi oggetto di contesa tra l' ex Unione Sovietica e la Francia. Se volete ammirare le icone e gli affreschi all' interno, evitate di indossare canottiere, minigonne e pantaloncini, rigorosamente vietati.



- Dirigetevi poi verso avenue Jean Médecin, dove troverete tutte le principali catene di abbigliamento e accessori presenti anche in Italia, come H&M, Berska ecc., oltre alle famose Galeries Lafayette, dove trovare di tutto anche se a prezzi non proprio economici. Alla fine della via, vi si aprirà la piazza più importante della città, Place Massena, con i suoi palazzi ottocenteschi dai toni rossastri. Circondata da splendidi portici e da un meraviglioso giardino risalente al 1800. Si tratta del Jardin Albert 1er, costruito in occasione del centenario del termine "Cote d' Azur" coniato dal poeta francese Liégeard, al centro del quale si trova una bellissima fontana. Davvero un' oasi verde al centro di una città cosmopolita come Nizza.


- Superata Place Massena, addentratevi nella città vecchia, situata sulla sinistra della piazza. Passeggiate tra gli stretti vicoli, curiosando qua e là nei tanti negozi di artigianato, cibo e abbigliamento, dove potrete respirare l' atmosfera della vera Nizza. E' il luogo perfetto per prendervi una pausa e ricaricare le forze con una porzione di socca cucinata nel forno a legna, una gustosa pissaladiere, cioè una specie di pizza bianca con cipolle e acciughe, e perchè no un piatto dei famosi farcis, ovvero verdure farcite con carne. Se avete tempo vi consiglio di fermarvi al ristorante L' Escalinada, conosciuto per le eccellenti specialità nizzarde a prezzi modici.



- Dopo esservi saziati, arrivate fino a Place Garibaldi, dedicata al grande generale nato proprio a Nizza, attraversatela e salite le scale che portano al Musée d' Art Moderne et d' Art Contemporain (MAMAC).  E' uno dei musei più interessanti della città, l' entrata è gratuita ed è aperto tutti i giorni tranne il lunedì. Qui troverete delle esposizioni temporanee d' arte contemporanea, e un' esposizione permanente che include alcuni quadri di Andy Warhol, Yves Klein e artisti appartenenti alla Scuola Pittorica di Nizza. Le opere esposte ricoprono il periodo che va dagli anni 50 ai giorni nostri e molte di esse sono davvero innovative. Salite sulla terrazza all' ultimo piano, dove spesso sono esposte delle mostre temporanee, per poter godere di una vista magnifica su tutta Nizza e sull' Acropolis che si trova proprio di fronte.



- Terminata la visita culturale, raggiungete la cima delle colline del castello a piedi o per i più pigri con l' ascensore. Camminando ci si impiega circa un quarto d' ora e si possono fare diverse soste per ammirare il magnifico panorama che si apre sulla baia di Nizza. Del castello non è rimasto un granché, ma l' intero parco è  ricoperto di una lussureggiante vegetazione e ci si può concedere una piacevole pausa all' ombra. C'è anche una cascata artificiale che vi farà evadere completamente dallo stress cittadino e degli spazi adatti per far giocare liberamente i bambini. Anche se può sembrare un po' macrabo, vi consiglio di visitare il cimitero che si trova vicino alle rovine del castello, dove sono sepolti personalità illustri come Henry Matisse e dove potrete ammirare delle meravigliose statue.



- Terminate la giornata con una passeggiata sulla splendida Promenade des Anglais e un bel bagno nelle acque azzurre cittadine. Le spiagge sono tutte di ciotoli, molte di esse sono pubbliche ma ce ne sono anche alcune attrezzate. Le acque sono pulite e diventano subito profonde.


martedì 27 settembre 2011

Dove mangiare in Costa Azzurra -Ristoranti-


Essendo una buona forchetta sempre pronta a assaggiare nuovi cibi, esco spesso a cena con amici e fidanzato. Mi piace scoprire ristoranti dall' ottimo rapporto qualità/prezzo, sconosciuti ai turisti e con una bella atmosfera all' interno.

Ecco una selezione dei migliori ristoranti della costa dove ho mangiato e che consiglio sinceramente a chi ama il buon cibo e non vuole spendere molto:

- Le Brulot, ristorante di cucina provenzale situato nella vecchia Antibes. E' in assoluto il mio ristorante preferito per l' ottimo cibo, l' ambiente particolare e il servizio efficiente. E' disposto su 2 piani con un paio di tavolini sul marciapiedi fuori, è arredato in modo molto caratteristico, che evoca immediatamente una sensazione di calore, e dispone di un forno a legna. Le porzioni sono abbondanti e spesso vi offrono l' aperitivo o l' ammazza caffè. Il mio piatto preferito è il magret de canard cucinato nel forno a legna, sublime! Troverete molti piatti della tradizione francese come les escargot, le fois gras, la socca... tutti eccellenti. E' chiuso la domenica, mentre se volete cenarvi di sabato consiglio di prenotare perchè è sempre strapieno.
Per chi non può fare a meno della cucina italiana, nella stessa via c'è il Brulot Pasta, dove però non ho avuto modo di mangiare. 

- La Farigoule, piccolissimo ristorantino provenzale a Cannes, che offre prodotti freschi direttamente dal vicino mercato Forville. L' atmosfera è quella di una tipica trattoria italiana, con le tovaglie a quadrettoni e Madame Lilia che vi farà sentire a casa. La carte offre pochi piatti ma gustosissimi, mentre il menù a 16.90 euro comprendente 3 portate è davvero un affare. Anche qui spesso viene offerto un piccolo aperitivo e alla fine del pasto un liquore all' arancia delizioso. E' uno dei pochi posti a Cannes non turistici, calorosi e soprattutto economici che è in grado di offrire ottimo cibo. E' aperto tutti i giorni sia a pranzo che a cena.

- Babord et Tribord, ristorante di fronte al porto di Cannes con annesso il bar. Oltre a un buon menù a 16,90 euro con un ampia scelta, questo ristorantino con un piccolo terrazzo serve per 21 euro una fondue borguignonne con carne e patatine a volontà. Potete davvero ordinare carne fino alla sazietà e più, insomma è il paradiso dei carnivori! L' idea è simpatica per una cena in compagnia friggendo pezzi di carne da intingere nelle varie salsine. Sulla carte c'è anche la fondue di formaggio e una grigliata di pesce niente male.

- Creperie du port, una delle poche buone creperie della costa situata nella vecchia Antibes. Qui vengono servite le vere crepes bretoni di farina di grano saraceno, con un' ampia scelta sia di crepes salate che dolci. Un' alternativa economica alla solita cena formale o ad un aperitivo sostanzioso. Hanno anche un' ottima selezione di birre artigianali.

- La taverne du Safranier, grazioso ristorante con una grande terrazza che si affaccia su una piazzetta con una bella chiesa. Offre cucina provenzale, con pesce fresco acquistato direttamente dal vicino porto cittadino. Seppur vicinissimo al centro storico di Antibes, è situato in una zona tranquilla, lontano dal caos del centro è l' ideale per una cena in famiglia, lasciando i bambini liberi di giocare senza pericoli.

- L' Union restaurant, ampio ristorante a Nizza, un po' fuori dal centro, dove poter gustare dell' ottima cucina nizzarda. Ha una terrazza enorme sul retro, dove si organizzano banchetti per cerimonie. Offre un menù a 23 euro con porzioni tanto abbondanti che è tradizione chiedere di poter portare a casa gli avanzi in comodi sacchetti. Deliziosi i ravioli a la daube e la degustazione di entrées nizzarde.

- Tokyo, ristorante giapponese a Cannes, dove ogni tavolo dispone al suo centro di una piastra su cui il cuoco giapponese vi cucinerà in diretta le specialità di pesce e carne presenti sul menù. Lo spettacolo è davvero divertente e lo chef vi sfiderà lanciandovi pezzi di tofu da prendere al volo con la bocca. Per una cena si spende dai 35 euro in su, ma è perfetto per una serata alternativa dai sapori orientali.

- Solola, ristorante messicano a Cannes, dove poter mangiare delle ottime grigliate di carne e altre specialità messicane, come le fajitas o il chili. Per chi ama la cucina piccante e non vuole spendere molto.

- Suwon korean barbeque restaurant, è l' unico ristorante coreano di Nizza  ed è veramente grazioso, con un design moderno ma con un tocco orientale. Ha una particolarità: al centro di ogni tavolo c'è una piastra dove potersi cucinare da soli la grigliata di carne o di pesce ordinata. La carne è tagliata molto fine ed è condita con delle salse coreane. Davvero ottime ed abbondanti le grigliate. Il prezzo del menù è di 29 euro e comprende antipasto, grigliata e dolce, oltre alla zuppa offerta a tutti i clienti.

- Beach club, è un ristorante sulla spiaggia di Saint Laurent du Var, paese a 5 minuti da Nizza. E' comodo raggiungerlo anche con la macchina perchè è possibile lasciarla nel vicino parcheggio del centro commerciale più grande della Costa Azzurra, Cap3000. Ideale per festeggiare una ricorrenza con i piedi nella sabbia, a 5 metri dall' acqua e con una bellissima vista di Nizza dal mare. Solitamente c'è musica dal vivo e si può ballare su una piccola pista da ballo. Si mangia bene se non si scelgono le specialità italiane presenti nel menù.

Per chi proprio non può fare a meno della cucina italiana, ecco 3 indirizzi da segnarsi per non rischiare di ritrovarvi una carbonara con l' uovo intero al centro!

- Da Laura, a Cannes. E' per molti il miglior ristorante italiano di Cannes, dove mangiare dell' ottima pasta fresca. Non ci ancora stata personalmente, ma molti amici italiani me l' hanno consigliato.

- Voglia di Pasta, altro ristorante italiano a Cannes dove Fabrizio vi offrirà delle ottime pizze e delle buone paste. Consiglio le penne al salmone, davvero eccellenti.

- Boccaccio, il miglior ristorante italiano di Nizza dove mangiare dell' eccellente pesce fresco. I prezzi sono abbastanza alti, ma è a pochi metri da Place Massena e il cibo è abbondante e di ottima qualità.

Chiunque volesse consigliarmi e segnalare un buon ristorante sulla Costa Azzurra, non esiti a commentare l' articolo....Non vedo l' ora di provare nuove esperienze gastronomiche!


















mercoledì 21 settembre 2011

8 cose da fare in Costa Azzurra

Ci sono eventi, esperienze e luoghi che chiunque venga in Costa Azzurra non può perdere per la loro particolarità e per le emozioni in grado di regalare.

1- IL CARNEVALE DI NIZZA: ogni anno a fine febbraio per 2 settimane la città si colora e si riempie di gente in festa. Tanti i carri allegorici, le sfilate diurne e notturne e le battaglie di fiori. Da non perdere la cerimonia di chiusura dove viene bruciata la statua del Re e poi gettata in mare, con fuochi d' artificio finali.
Per chi vuole assistere a un tipo di Carnevale alternativo, consiglio di partecipare al carnevale indipendente di San Rocco, un quartiere di Nizza, dove impazza una battaglia a colpi di farina, uova e altre munizioni. Quest' anno non è stato organizzato a causa di alcuni problemi sorti gli anni precedenti, ma dovrebbe ritornare nel 2012.

2- GODERSI UN TRAMONTO A CAP D' ANTIBES: sul promontorio il panorama e l' atmosfera sono davvero incantevoli. Assaporare un aperitivo in spiaggia o comodamente seduti al bar dell' hotel Eden Roc (abbastanza caro ma per una volta nella vita ci si può coccolare) è una delle esperienze più romantiche che si possano fare.

3- IL FESTIVAL DI CANNES: a Maggio per 10 giorni la città impazzisce, fiumi di turisti accalcano le vie controllate ad ogni angolo da centinaia di poliziotti, i paparazzi  sono ovunque, molte strade rimangono chiuse, ma il Festival di Cannes conserva il suo fascino. Imperdibile la cerimonia di apertura, dove numerose star internazionali calcano il famoso tappeto rosso. Trovare un posto per avvistare il proprio begnamino è un' impresa ardua ma se si è scaltri un buco lo si trova.
Durante tutto il festival, la città offre la visione di film gratuiti al pubblico nei tanti cinema e in spiaggia, dove viene allestito un megaschermo.
Molto più facile riuscire a vedere attori e registi alle feste vip e di benificenza organizzate sia a Cannes che nelle città vicine durante tutte e 2 le settimane.

4- CREARSI IL PROPRIO PROFUMO PERSONALIZZATO: nelle tante profumerie di Grasse (20 minuti in macchina da Cannes) è possibile scegliere le fragranze con cui creare sul momento il proprio profumo. Un' esperienza unica che metterà alla prova il vostro olfatto!
Ad esempio, la profumeria Fragonard, al termine della visita guidata, offre la possibilità di fabbricare un piccolo campione regalo di essenza in base ai propri gusti. 

5- IL FESTIVAL D' ARTE PIROTECNICA: per tutto luglio ed agosto, ogni settimana a Cannes si svolge una competizione internazionale a colpi di fuochi d' artificio. Non si tratta dei soliti fuochi d' artificio da sagra di paese, bensì di vere e proprie coreografie a ritmo di musica ispirate a vari temi create dalle più grandi scuole al mondo di arte pirotecnica. Godeteveli dal mare su uno dei numerosi battelli che si possono prendere dal porto vecchio di Cannes (costo 20 euro, con giro guidato della costa della città e dell' isola Santa Margherita, illuminata a giorno).

6- IL CAMBIO DELLA GUARDIA A MONACO: non fermatevi solo nella lussuosa Montecarlo, salite fino al centro storico di Monaco, dove davanti al Palazzo del Principato ogni giorno poco prima di mezzogiorno si svolge il cambio della guardia. Si tratta di un rituale ben definito che dura circa 10 minuti, che vede le guardie principesche vestite con insolite divise marciare impugnando fucili per proclamare il cambio di turno. 

7- VISITA E DEGUSTAZIONE AL MUSEO DELL' ASSENZIO: ad Antibes, vicino al Mercato provenzale, si trova il Museo dell' Assenzio con tanto di bar annesso. E' uno dei pochi posti in Francia dove poter gustare questo superalcolico, servito con dell' acqua direttamente da delle specie di botti appoggiate su ogni tavolo e dello zucchero. Ne esistono tante varietà e gusti, lo consiglio per una serata insolita tra amici. Divertente anche la possibilità di provare gli strani cappelli appesi ovunque; unica pecca: chiude a mezzanotte.

8- UN GIRO NELLA VECCHIA NIZZA DEGUSTANDO LA SOCCA: perdetevi nell' atmosfera di altri tempi dei vicoli della vecchia Nizza. Tra negozi di saponi, artigianato, abbigliamento, prodotti tipici e ristoranti di ogni genere, godetevi una porzione di Socca, una specie di farinata di ceci tipica nizzarda. Da mangiare appena sfornata. Finite poi la giornata godendovi il panorama dalla colline del castello.


venerdì 9 settembre 2011

Come funziona il sistema sanitario francese?

Il sistema sanitario francese è diverso da quello italiano e all' inizio può creare un po' di confusione. 
Vediamo come funziona:

- La sécurité sociale: si tratta dell' assicurazione medica di base che si richiede gratuitamente alla CPAM più vicina. Solitamente viene stipulata dal datore di lavoro con il primo impiego trovato e vale per tutta la vita. Se non avete ancora trovato un lavoro ma il vostro coniuge o la persona con cui vi siete "paxati" sì, la sua assicurazione copre anche la vostra. La securitè sociale rimborsa circa il 75% delle spese mediche di base che comprendono anche le medicine, sempre dietro prescrizione medica. 

Documenti necessari per ottenere la sécurité sociale:
- L' atto di nascita tradotto in francese (potete chiederlo in Comune nella città in cui siete nati, è gratis e di solito hanno già i vari modelli tradotti)
- Un contratto di lavoro
- Il RIB, ovvero le coordinate bancarie fondamentali per i rimborsi
- Una fotocopia della carta d' identità o del passaporto

Una volta iscritti al sistema sanitario francese, vi sarà rilasciato un numero provvisorio e con quello avrete diritto al rimborso del 75%, anche se non avviene automaticamente. Infatti, ogni volta che effettuerete una spesa medica, vi verrà consegnato un modulo da compilare e spedire alla CPAM con allegata l' impegnativa per poter ottenere il rimborso. 
Dopo circa 2 mesi, se siete fortunati vi spediranno per posta la Carte vitale, cioè la tessara magnetica grazie alla quale i rimborsi avverranno automaticamente sul vostro conto bancario.

Un' altra differenza rispetto al modello italiano, è quella che in Francia si paga il medico di base ogni volta che lo si consulta. Il costo è di poco più di 20 euro, parzialmente rimborsabili dalla Sécurité sociale, sia per una visita che per ottenere una prescrizione medica. 
A Cannes, per chi ha problemi con la lingua o comunque si sente più a suo agio a esprimersi in italiano segnalo come medico generalista la dottoressa Maddalena Piro.

- L' assurance Mutuelle: ossia l' assicurazione privata che copre la maggior parte delle spese mediche al 99%. Esistono numerose compagnie e forfait di differenti prezzi, in base ai servizi coperti. Può costare dai 10 euro al mese fino ai 40 euro e più, e spesso molti datori di lavoro la stipulano per i propri dipendenti a costi vantaggiosi.
In base al forfait scelto, si può usufruire della rimborso del 99% del costo per sempre maggiori servizi, ma la scelta deve essere effettuata in base alle proprie esigenze. La Mutuelle può rimborsare il costo degli occhiali da vista, delle lenti, della pillola contraccettiva, oltre ad essere indispensabile per non dover pagare degli elevati costi di ospedalizzazione.

Tutti i miei amici francesi mi hanno consigliato fin da subito di stipulare un contratto con un' assurance mutuelle, sia perché nella maggior parte dei casi la somma da pagare annualmente per l'assicurazione è pari al totale delle spese mediche sostenute, sia perchè se disgraziatamente dovesse accadere un incidente grave essa ti coprirebbe tutti i costi ospedalieri e del trasporto in ambulanza.

Nel sistema sanitario francese esistono sia degli enti pubblici che degli enti privati e in entrambi i casi le visite  vengono rimborsate, in maniera proporzionale al fatto che siano convenzionati o meno.

Infine, altro punto a favore del sistema sanitario francese, che non per nulla è uno dei migliori al mondo, è il fatto che i tempi medi di attesa per una visita specialistica o un esame sono di qualche giorno, una settimana al massimo. Da non credere per chi è abituato ad aspettare mesi per un appuntamento!

sabato 3 settembre 2011

A ognuno la sua vacanza in Costa Azzurra

Per molte persone la Costa Azzurra è solo sinonimo di lusso ed esagerazione, ma chi conosce meglio questo dipartimento sa che non è così. In base al luogo dove si decide di soggiornare ed in base ai propri interessi, si hanno scenari completamente diversi riuscendo a soddisfare ogni esigenza.

Vorrei, quindi, consigliarvi le mete che più si adattano al tipo di vacanza che avete in mente:

- VACANZA IN COPPIA: consiglierei Antibes, città che riesce a coniugare divertimento e romanticismo. Ci sono spiagge carine e appartate, soprattuto a Cap d' Antibes, e locali e ristoranti abbordabili. L' ambiente è giovane ma molti locali chiudono verso le 2, quindi se volete fare serata vi conviene andare nella vicina Juan les Pins. 
Altra meta ideale è Nizza, ricca di fascino, con un bel mare e con tanta movida. Essendo una città universitaria, ci sono molti studenti ed un' ampia scelta di locali di ogni genere. Inoltre, durante l' estate vengono organizzate numerose manifestazioni e concerti gratuiti. 
Infine, un buon punto di appoggio per una vacanza di coppia è Saint Laurent du Var: è vicinissimo a Nizza, ha un bel lungomare popolato da locali e ristoranti sulla spiaggia, è meno caro rispetto a Nizza e ospita Cap3000, il più grande centro commerciale di tutta la costa.

- VACANZA IN FAMIGLIA: anche in questo caso consiglierei sia Nizza che Antibes, adatte ad ogni età ed ad ogni tasca. Inoltre, Antibes è vicina al parco acquatico Marineland, dove potrete trascorrere una giornata con i vostri figli tra pesci, foche ed animali marini di ogni tipo.
Un altro paesino tranquillo ed ideale per la famiglia è Mandelieu, a 15 minuti da Cannes. Offre numerose spiagge libere, acque pulite, la possibilità di fare passeggiate immersi nella natura e tanto relax. D' estate vengono organizzati molti eventi e quasi ogni sera vicino al porto viene allestito un grande mercato dove vengono venduti souvenir, vestiti, accessori e creazioni artigianali di ogni genere.

- VACANZA IN GRUPPO ALL' INSEGNA DEL DIVERTIMENTO: il luogo ideale per questo tipo di soggiorno è sicuramente Juan les Pins, anche se lo consiglierei a ragazzi fino ai 25 anni e non di più. Tanti sono i locali, pub e minidiscoteche, aperti fino a tardi e l' atmosfera ricorda vagamente quella di Rimini e Riccione. Di sera il centro diventa pedonale, i negozi sono aperti fino a mezzanotte, ci sono molti ristoranti e bar sulla spiaggia e le discoteche non sono per nulla care.
Alternativa più cosmopolita e adatta anche a gruppi più adulti, è Nizza: qui le discoteche sono un po' più grandi e l' età media è più alta, si riescono a trovare anche locali non turistici e c'è una vasta scelta di posti dove trascorrere qualunque tipo di serata.

- VACANZA TRA RELAX E NATURA: se amate il mare e le spiagge selvagge e deserte, allora tutto il tratto che va da Theoule sur Mer a Saint Raphael  fa decisamente per voi. Anche a luglio ed agosto, qui troverete delle calette dai colori paradisiaci ad aspettarvi, potrete rilassarvi lontani dal caos e immergervi completamente nella natura. Bisogna essere disposti a far a meno di alcune comodità che offrono le spiagge attrezzate, ma godrete di paesaggi difficilmente dimenticabili.
Per chi, invece, preferisce la montagna, la scelta deve cadere sulle Alpi Azzurre e, visto che per ora non ho ancora avuto modo di visitarle, vi metto un link che vi illustra tutti i luoghi d' interesse e le attività offerte http://www.costa-azzurra-turismo.com/montagna-alpi-marittime/

- VACANZA ALL' INSEGNA DEL LUSSO E DEL COMFORT: per chi ha i mezzi e vuole godersi una vacanza sfarzosa ed essere servito in tutto e per tutto consiglierei decisamente Cannes e Montecarlo. In entrambe le città potrete trovare boutiques di lusso, casinò, ristoranti haute gamme, spiagge dotate di ogni comfort, porti attrezzati per un eventuale barca. L' ambiente è sempre molto chic, nella maggior parte dei locali un bell' aspetto è essenziale per potervi entrare e i prezzi sono in media abbastanza alti (al Palais e al Gotha molte serate costano addirittura 70 euro).




giovedì 1 settembre 2011

Lo famo strano...abitudini francesi

Oggi voglio inagurare la rubrica "Lo famo strano...abitudini francesi" per raccontarvi tutte le stravaganze dei nostri vicini. Ciò non vuol dire che siano tutte abitudini negative ed ogni popolo a le sue tradizioni e la sua cultura. Insomma questo post è sicuramente da prendere con ironia. 

Fatta questa doverosa premessa, ecco le stranezze che ho notato nei 2 anni che vivo in Costa Azzurra:

- IL MODO IN CUI GUIDANO: sfido chiunque di voi a giurare di non essersi mai innervosito per la guida pacata e a tratti impedita di molti francesi. Non solo spesso vanno a 30 km/h, ma allo scattare del verde impiegano circa 5 secondi prima di partire, alle rotonde stanno religiosamente in fila in un unica corsia mentre l' altra resta libera, in motorino guidano in mezzo alla strada come se conducessero delle automobili... Forse sarà dovuto al fatto che noi milanesi siamo sempre stressati, ma ogni giorno la mia pazienza viene messa a dura prova!

- IL MODO IN CUI ORDINANO I SALUMI: non solo usano tagliare il prosciutto spesso come una bistecca, ma la cosa che più mi diverte è il  criterio che usano per ordinare la quantità di salume che desiderano: invece di indicare il peso della merce desiderata, indicano quante fette vogliono. Sentirete allora chiedere "2 tranches de jambon, 1 tranche de mortadella...", il che a volte suona un po' ridicolo.

- MANGIANO IL PANETTONE TUTTO L' ANNO: ebbene sì, considerano il panettone come una sorta di torta da mangiare a colazione durante tutto l' anno e non solo nel periodo natalizio.

- PAGANO TUTTO CON GLI ASSEGNI: non ho mai visto firmare tanti assegni come in Francia. Li usano per pagare ogni cosa, al bar, al ristorante, nei negozi...

- HANNO STRANE CONVINZIONI CULINARIE: tra le tante stranezze riguardanti il cibo, me ne sono rimaste impresse alcune:
* usano la nostra panna da cucina sia per cucinare cibi dolci che salati
* hanno interi scaffali di tonno al naturale (senza sapore) e, se si è fortunati, hanno un unica varietà di tonno sott'olio che costa una fortuna
* sono certi che i ravioli e le verdure farcite siano delle specialità nate in Francia

- PRONUNCIANO ALCUNE PAROLE IN MODO BIZZARRO: oltre a pronunciare letteralmente alcune parole inglesi (vedi budget) e ad ostinarsi nell' accentare l' ultima lettera di ogni parola italiana, avete mai sentito come pronunciano Magnum? Che si tratti del famoso gelato o della pistola, lo pronunceranno dividendo la parola in mag-num, il che è porta a non pochi equivoci.

- HANNO UN DIVERSO MODO DI FARE LO SPELLING: un' abitudine curiosa che hanno, è quella di fare lo spelling delle parole non con i nomi delle città ma con i nomi di persona. Diranno, quindi, e comme Emile, a comme Antoine e così via. 


Per ora direi che li ho abbastanza massacrati. Quindi per farmi perdonare, vorrei dire noi italiani abbiamo molti pregiudizi nei loro confronti che si sono rivelati del tutto falsi:


- NON E' VERO CHE I FRANCESI SONO TUTTI ANTIPATICI E SPOCCHIOSI, ho conosciuto molti francesi alla mano e davvero simpatici. Come in ogni popolo, ci sono persone con differenti caratteri e comportamenti, ma nella maggior parte dei casi mi hanno trattato bene e non mi hanno per nulla discriminato.

- NON E' VERO CHE MANGIANO SOLO RANE E LUMACHE, la maggior parte della gente che ho conosciuto qui non mangia nessuno di questi 2 alimenti. In compenso devo ammettere che ho mangiato più volte les escargots e sono davvero buone!

- NON E' VERO CHE LA MAGGIOR PARTE DEI FRANCESI E' SPORCA: anche se è vero che è difficile trovare un bidet in una casa francese, ciò non significa che hanno delle cattive abitudini igeniche.

Vi lascio con 2 ultimi consigli, fate attenzione a non dire:

- Je me suis oublié invece di dire J' ai oublié , nel primo caso state dicendo di esservi fatti la pipì addosso mentre nel secondo caso di esservi dimenticati qualcosa! Direi che c'è un po' di differenza!

- Baiser invece di donner un bisou, il primo verbo è molto più forte del secondo, fate attenzione!


Se anche voi avete notato qualche stranezza o se non concordate con quanto scritto, non esitate a commentare

-